Via Belvedere, 204 - 80127 Napoli - Via R. Wagner, 2/B - 84131 Salerno
(+39)338.11.13.800
Art Therapy
Laboratorio

Specifiche

Conosci te stesso attraverso l’Art therapy!

“Un incontro di due: occhi negli occhi, volto nel volto. E quando tu sarai vicino, io coglierò i tuoi occhi e li metterò al posto dei miei, e tu coglierai i miei occhi e li metterai al posto dei tuoi, allora io ti guarderò coi tuoi occhi e tu mi guarderai coi miei.”

L’attività teatrale e nello specifico l’ Art therapy, può rispondere a bisogni urgenti che le persone si trovano ad affrontare nelle diverse situazioni che la famiglia e la società contemporanea gli impongono quotidianamente.

La rappresentazione teatrale e l’azione scenica sono il metodo principale di espressione e comprensione delle proprie emozioni e sentimenti. 

Il processo creativo che siamo chiamati ad affrontare è il processo dell’ uomo in rapporto con se stesso e con l’altro.

Attraverso esercizi preparatori impareremo a conoscere meglio il nostro corpo ed il nostro mondo relazionale e sentimentale.

Vivremo nel arco del processo tre momenti fondamentali:

  • Riscaldamento: teso a focalizzare i partecipanti sul qui ed ora della sessione, di sviluppare attivamente la loro spontaneità e creatività, e di creare relazioni di tele (comprensione, affiatamento ed empatia reciproca).
  • Azione: messa in scena di un episodio, un sogno, una fantasia, un vissuto personale o del gruppo.
  • Partecipazione: coloro che hanno assistito alla scena offrono al protagonista una condivisione dei vissuti espressi, verbalizzando ciò che nella scena ha avuto significato per loro e per la loro storia personale.

Il gruppo avrà funzione di fondamenta attraverso il quale svilupperemo e favoriremo principi come:

  • La simmetria tra le persone (ognuno è importante quanto gli altri, tutti sono alla pari).
  • La circolarità delle comunicazioni (ogni persona ha il suo spazio nel gruppo per esprimere se stesso nel modo in cui si sente di farlo).
  • Il sostegno reciproco (per elaborare le emozioni intense che emergono dal lavoro).
  • L’espressione della verità soggettiva e l’assenza di giudizio.

Vivremo il teatro non come fine ma come mezzo che permette alle persone di incontrarsi con l’altro e con se stessi, Il luogo del confronto che ci permette di non appartenere a nessun luogo. Di non essere ancorati a una sola prospettiva ma di rimanere in continua transizione ed evoluzione in questo viaggio che si chiama vita.

Vuoi maggiorni informazioni sul corso?

WhatsApp WhatsApp